Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1866. Mastro Grespino

 

Larghi sti bbordacchè?!1 Llavoro a ttanti
e oggnuno li ggranni ppiú de quelli.
Quanno lei commannava dubbudelli,
sor Conte mio, poteva dillo avanti.

 

Questi ar meno je vanno com’e gguanti
senza che cce se2 sforzi e ssappuntelli:
nun c’è ar meno bbisoggno de mettelli
a ffuria de sapone e de tiranti.

 

Nu la sente che ppasta de gammàle?
La prim’acqua che vviè cquesto aritira;
e, ssi strozza,3 o nun jentra o jje fa mmale.

 

Carzi commido,4 carzi: er tropp’è ttroppo.
Eppoi pe ffà er piedino se sospira
co li calli e ssoprossi e sse5 va zzoppo.

 

30 novembre 1836

 




1 Brodequins: borzacchini.

2 Ci si.

3 Dal verbo strozzare. Qui significa però stringere eccessivamente, mercé una strozzatura in qualche punto dello stivale.

4 Calzi comodo.

5 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License