Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1870. L’amiscizzia vecchia

 

Oh cquesto poi lo posso in cusscenza,1


e ho ttant’in mano da dànne2 le prove,
ch’io ottanni e ccammina pe li nove
che, bbontà ssua, conosco Su’ Eminenza.

 

Sapete voi che cquannera Eccellenza
e io stavo de casa a Ccacciabbove,3
veniva sempre co ccamìsce4 nove
per avelle cuscite da Vincenza?

 

Appena entrato me disceva: «Bbiascio
tiè, vvaar teatro». Eh cche bbravo siggnore!
Inzomma èrimo5 propio papp’e ccascio.6

 

Anzi una sera, pe llevamme7 er vizzio
d’aringrazzià, mme fesce inzin l’onore
de mannàmmesce8 a ccarci in quer zervizzio.

 

3 gennaio 1837

 




1 Coscienza.

2 Darne.

3 Una contrada di Roma.

4 Camicie.

5 Eravamo.

6 Amici intrinseci.

7 Per levarmi.

8 Mandarmici.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License