Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

51. A Checco

 

Jeri, all’orloggio de la Cchiesa Nova,
fra Luca incontrò Agnesa co la brocca.
Dice: «Beato lui», dice, «a chi tocca»,
dice, «e nun sa ch’edè chi nu lo prova».

 

Risponne lei, dice: «Chi cerca, trova;
ma a me», dice, «puliteve la bocca».
«Aùh», dicéee... «e perché nun te fai biocca
«Eh», dice, «e chi me mette sotto l’ova

 

«Ce n’ho io», dice, «un paro fresche vive»,
dice, «e ttamante, e tutt’e dduangallate:
le vôi sperà si ssò bbone o ccattive

 

Checco, te pensi che nun l’ha pijjate?
Ah1 llei pe nnun sapé leggescrive,
ha vorzuto assaggià l’ova der frate.

 

10 settembre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Pronunziato vibrato con fretta e scuotendo vivamente il capo, vale condanna dell’opinione altrui.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License