Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1872. L’amore e l’accordo

 

«Che ccentra sto discorzo ridicolo?
Cià cche ffà1 ccomer Papa co le rape».
«C’entra, sora cardèa,2 perché cce cape,
e cqua nun zerve de svortamme vicolo».3

 

«Ma, ssor E,4 cce saria ggnente pericolo
che vvoi co ttutte ste sfuriate ssciape
pijjàssivo5 le pecore pe ccrape6
o er búscio7 de quer coso8 per bellicolo9

 

«Io ve dico accusí,10 ssora pettegola,
c’aràmo11 dritto, e vve parlo sur zerio;
e cch’io 12 stufo, e vve servi de regola».

 

«Aramo dritto, eh? bbrava la bbestia!
Nun pare de sentí fra Vvituperio
predicà la vertú de la modestia?».13

 

3 gennaio 1837

 




1 Ci ha che fare.

2 Signora caldea: stupida.

3 Voltarmi vicolo: canzare il proposito del discorso.

4 Signor E: modo beffardo di chiamare qualcuno.

5 Pigliaste.

6 Capre.

7 Buco.

8 Coso: nome di disimpegno attribuito ad ogni oggetto. Qui sta per... la verecondia non permette il dirlo.

9 Umbilico.

10 Così.

11 Ariamo.

12 Sono.

13 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License