Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1875. L’ammalaticcio

 

«Come va, ssor Loreto?» «Sempre male:
pòi bbuttamme1 per terra cor un deto».2
«Ma, in zostanza, c’avete?» «Eh, lo spezziale
disce ch’è un male che sse chiama abbèto».3

 

«Ve ffastidio de salí le scale
«Antro si mme lo !4 cce vo5 l’asceto».
«Ebbè, affare de nerbi,6 sor Loreto,
tutt’affetto7 der tempo. E a lo spedale

 

ce sete stato?» «A mmé?! ddímme cojjone!8
Nun zai c’a lo spedale sce se9 more
«Avete mille e ppoi mille raggione.10

 

Lassate ,11 lassate ar Ziggnore;
e vvederete a la bbona staggione
si12 ttornate a ddà ssú mmejjo d’un fiore».

 

13 gennaio 1837

 




1 Puoi buttarmi.

2 Con un dito.

3 Abete per «diabete».

4 Altro se me lo ! Me lo certamente.

5 Ci vuole.

6 Nervi.

7 Effetto.

8 Fossi pazzo.

9 Ci si.

10 Ragioni.

11 Lasciate fare.

12 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License