Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1881. Sant’Agustino lo mett’in dubbio1

 

Questo poi, verbigrazzia, nun zaprei...
pe bbriosa, pe ggiovene, pe bbella,
cqui ssò cco vvoi:2 ma cquer che ssia zitella3
nun basta, sposa, che lo dichi lei.

 

Lei crede de pijjacce pe ccardei,4
e io tiengona scerta coratella5
che jje direbbe6 in faccia: «Puttanella,
nun te dder paese che nun zei».7

 

Nun ze fussino8 visti, eh?, li traghetti9
co cquer munzú che la trovò in ciavatte10
e l’empí ttutta-quanta de merletti?

 

Avé le corna a ttempo suo, pascenza;
ma annassele11 a ccercà bbelle che ffatte
nun me pare che ssii troppa prudenza.

 

29 gennaio 1837

 




1 Modo proverbiale nelle cose dubbiose.

2 Sono del vostro parere.

3 In quanto all’esser zitella.

4 Di pigliarci per babbei.

5 Tengo un certo coraggio.

6 Le direi.

7 Non ti attribuire ciò che non ti conviene.

8 Non si fossero.

9 Sotterfugi.

10 Ciabatte.

11 Andarsele.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License