Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1887. Lo spazzino1 ar caffè

 

Averò ddetto un sproposito grosso:
ne dichi2 adesso un antro3 puro4 lei.
Diammine! ôh mmanco poi fussimo ebbrei:
pe sti prezzi che cqui, ppropio nun posso.

 

Eppuro è avolio!5 Pijji questa d’osso,
caro siggnore, e jje la do ppe ssei.
Via, me creschi un papetto,... nun zaprei...
Ciaggionti6 ducarlini... un giulio... un grosso...

 

Rifretti7 che ssò8 ggeneri de Francia.
Spacchi er male pe mmezzo: dia un testone,
e sservirà pe ffà la prima mancia.

 

Via, nun vojjo c’arresti9 disgustato:
compenzeremo in d’un’antra occasione.
Màa!, nnun lo dica, veh, ccos’ha ppagato.

 

6 febbraio 1837

 




1/4 di zecchino.

2 Dica.

3 Altro.

4 Pure.

5 Avorio.

6 Ci aggiunti, per ci aggiunga.

7 Rifletta.

8 Sono.

9 Che resti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License