Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1888. Lo staggnaro a mmercato

 

Sarà ccaro; ma un cuccomo de staggno
tirato com’e cquesto a ppulimento,
nun fo pper 1 cche ll’ho ffatt’io, ma in cento
lei nu2 ne trova a Rroma uno compaggno.

 

Guardi che llustro! e cquer ch’è ffora è ddrento.
Credi puro3 c’appena io sce4 guadaggno
pe vvive,5 e llei co ttanto ppiú sparaggno6
ffà7 cconto c’ha un cuccomo d’argento.

 

La robba ch’essce dar negozzio mio,
nun zia8 mai pe vvantamme,9 è rrobba bbona
e llavorata cor timor de Ddio.

 

Eppoi questo è un discorzo corto corto:
lei vadi,10 ggiri pe Ppiazza Navona,
ma a pprezzo uguale nun me facci torto.

 

6 febbraio 1837

 




1 Girovago mercante di minutaglie.

2 Non.

3 Creda pure.

4 Ci.

5 Per vivere.

6 Risparmio.

7 Può fare.

8 Non sia.

9 Vantarmi.

10 Vada.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License