Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1890. Li moccoletti der 37

 

Ma ssi1 lo díco io, ma ssi(1) lo dico
che cquarche gghetto2 aveva da succede.
E ssi cqua sse3 va avanti su sto piede
nun ce n’ha da restà manco un ciníco.4

 

Eppuro,5 sce6 scommetto c’a l’amico7
nun j’hanno detto un cazzo8 com’aggnede;9
e llui se ne sta a ccasa in bona fede
credenno tutto com’ar tempo antico.

 

 Io vedde,10 usscenno dar Gesú,11 una strisscia
de paíni12 c’annava tarroccanno,
e ffesce13 tra de : cqua nun è llisscia.

 

Nun avé da capí sti preti zzoccoli
che, llevate le mmaschere, pe stanno
s’aveva da levà ppuro14 li moccoli!

 

8 febbraio 1837

 




1 Calca.

2 Tumulto.

3 Si.

4 Neppure un briciolo.

5 Eppure.

6 Ci.

7 Al Papa.

8 Affatto.

9 Come andò.

10 Vidi.

11 Verso sera, ne’ giorni di carnevale, è in quella od altre chiese solenne esposizione della eucaristia.

12 Cittadini in abito non plebeo.

13 Dissi.

14 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License