Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1891. L’appiggionante servizziose1

 

«Salute che ccampane!2 v’ho bbussato
inzinenta3 ar zolaro cor bastone!...».
«Stavo sur tetto a rripijjà un piccione
che da jjerzéra impoi m’era scappato.

 

E cche vvolévio4 «V’avevo chiamato
perch’è ssonata la bbinidizzione,
e ïo tiengo5 la pila in ner focone
c’ancòra, grazziaddio, nun ha schiumato».

 

«Bbe’?» «Vve volevo ddunque una cosa:
s’inzin6 che ttorno me sce7 state attenta.
Me sce lo date un occhio eh sora Rosa

 

«E pperché nnò? Llassate puro8 uperto,
ch’io quanto tiro addietro la pulenta
e ssceggno.9 Ma ssí, ssí, vviengo de scerto».10

 

9 febbraio 1837

 




1 Se.

2 Orecchie dure.

3 Sino.

4 Volevate.

5 Tengo.

6 Se fin.

7 Mi ci.

8 Pure.

9 Scendo.

10 Vengo di certo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License