Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1892. Lo scatolaro

Sonetti 2

 

Eh, ir ziggnore si vede c’ha vviaggiato:
ha sscerto1 una gran bella tabbacchiera!
Radica der Perú, rradica vera,
e nnò lleggno dipinto e invernisciato.

 

Lei oggi cqua in vetrina m’ha llevato
ir capitale ppiú mmejjo che ccera;
nun zi dubbiti, no: ppe la scerniera
so bbe’ io si cche ottone sciò2 addoprato.

 

Stenta? Ma mme fa ride!3 è rrobba nova.
Eppoi la ggente nun zi pijja in gola.
Io ste scatole cqui jje le do a pprova.

 

Lei vadi puro,4 lustrissimo mio,
lei dormi5 quieto su la mi’ parola;
e in oggni caso, ssò ssempre cqua io.6

 

10 febbraio 1837

 




1 Compiacenti.

2 Ci ho.

3 Mi fa ridere.

4 Vada pure.

5 Dorma.

6 Son qua io, cioè per cambiarla se mai, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License