Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1893. Lo scatolaro

 

Io nun m’aricordo er come e ’r quanno
j’ho vvennuta la scatola: me scotta
de sentí cche jj’ho ffatto er contrabbanno
d’appoggiajje un lavore de ricotta.

 

Lo capisco pur’io che qui cc’è ddanno
ne la scerniera; ma cchi ssa cche bbòtta
ha avuto in ner cuperchio!: l’averanno
fatta cascà pper terra e jje s’è rrotta.

 

La scatola era sana. Eppoi, chi ha llocchi,
quanno che ccrompa1 l’ha da uprí, bber fijjo.
Er monno nun è ffatto pe li ssciocchi.

 

è sfracassata, : chi vve lo nega?
Ma io la marcanzia nu2 l’aripijjo
una vorta ch’è usscita da bbottega.

 

10 febbraio 1837

 




1 Scelto.

2 Non.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License