Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1897. Chi la fa, l’aspetta1

 

«Scusateme, sape2, ssora Nunziata:
v’appunto una parola e scappo via».
«Commannateme, sora Nastasia».
«Dite un po’: cquanno fate la bbucata3

 

«Nun vedete? è ggià bbell’e ppreparata
la callàra4 pe bbulle5 la lesscía».6
«Dico perché cciò7 un po’ de bbiancheria...
Volemo fàlla tutta una tuttata?».8

 

«Volentieri; ma... è ppiena la tinozza...
Anzi fàtemannà9 ssinnò10 la robba
pijja troppo de covo11 e mme s’incozza».12

 

«Ho ccapito. Ma ggià cquesto succede
a cchi ggratta le schine co la gobba.13
Abbasta, chi nun more s’arivede».14

 

22 febbraio 1837

 




1 Vedi il seguente.

2 Sapete.

3 Il bucato.

4 Caldaia.

5 Per bollire, in significazione attiva.

6 La lisciva.

7 Ci ho: ho.

8 Vogliamo fare tutto un insieme?

9 Fatemi andare.

10 Altrimenti.

11 Piglia di covo, cioè: «acquista mal odore per lo stagnar soverchio del liquido.

12 Le sozzure la penetrano.

13 A chi blandisce i maligni.

14 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License