Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1902. Li dilettanti del lotto

 

«C’hai ggiucato?» «Ottantuno pe ssiconno».1«Bbono: me piasce. Io sce ll’ho ddrent’a un terno
e a ’n’ambo; e pprima che ffinischi inverno,
nun c’è ccaso, ha da usscí, ccascassi2 er monno».

 

«La figura de nove, sor Rimonno,
ha da stanno sospirà er governo.
Vedi ch’er ventisette lo chiuderno3
pe Ffiorenza, e ppe Rroma l’arivònno4

 

«Te sbajji,5 Checco6 mio: quello è er zimpatico
de l’antranno: pe cquesto è er discidotto.
De ste regole cqui ssei poco pratico».

 

«Bbe’, è ffigura de nove quello puro.7
E in tutta la seguenza, o ssopra o ssotto,
pe ssei mesi sc’è er nummero sicuro».

 

25 febbraio 1837

 




1 Per secondo estratto.

2 Cascasse il mondo.

3 Lo chiusero. Quando le poste raccolte sopra un numero, o un ambo, o un terno qualunque, ecc., superano una certa mèta prestabilita, il di piú vien restituito ai giuocatori, annullandone i giuochi: e allora dicesi esser chiuso il numero, ecc.

4 Lo rivogliono.

5 Ti sbagli, per «sbagli».

6 Francesco.

7 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License