Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1903. Li dilettanti del lotto

 

Come diavolo mai me 1 accecato
a nun capí la gàbbola der mago!
Ma ssenti: l’incontrai sabbito2 ar lago;3
disce: «É da jjeri che nun ho mmaggnato».

 

Lo porto all’osteria: lui maggna: io pago:
l’oste sparecchia; e ddoppo sparecchiato
er mago pijja un cane llí accucciato4
e jje lega la coda co uno spago.

 

Io fo un ambo: tre er cane, e ccoda ar nove.
Ebbè, azzécchesce5 un po’? ppe pprimastratto6
viè ffora com’un razzo er trentanove.

 

Ma eh? ppoteva dàmmelo ppiú cchiaro?
Nun l’avería7 capito puro8 un gatto?
L’avevo da legà, pporco-somaro!

 

26 febbraio 1837

 




1 Mi sono.

2 Sabato.

3 In ogni sabato e domenica di agosto si allaga artificialmente la Piazza Navona.

4 Cucciato.

5 Azzeccaci: indovinaci.

6 Estratto.

7 L’avrebbe.

8 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License