Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1906. Er marito pascioccone1

 

mme 2 bbene?! povero Cammillo!
Quell’omo io je potrebbe sfraggne l’ova
in faccia. A mmé nun me sta bbene a ddíllo,
ma un marito ppiú bbono nun ze trova.

 

In zettanni che ll’ho, mmai uno strillo!
mai un tíret’-in-là! ’Ggni cosa nova
ch’essce a Rroma è ppe mmé: cqualunque grillo
me viè, llui me lo leva, o cce se3 prova.

 

La sera poi ch’è stracco, poveretto,
pe ffàmme4 divertí, ffesta o nnun festa
me conzeggna ar compare, e llui va a lletto.

 

E ppe cquesto, ecco llí, ssora Vincenza,
jarïessce oggni affare che ttiè in testa,
e ’r Ziggnore je la providenza.5

 

2 marzo 1837

 




1 Uomo di pasta eccellente, trattabilissimo.

2 Se mi vuole.

3 Ci si.

4 Per farmi.

5 Vedi il sonetto seguente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License