Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

52. L’orecchie de mercante

 

Ggiuvenotti, chi ppaga una fujjetta?1a
Se pôzzino a stroppià ttutti li guitti.
Eccheli sbarellati e sderelitti,1


come l’abbi accoppatina saetta.

 

Quanno pagh’io, pettristo, a la Stelletta,2
cùrreno com’aggnelli fitti fitti:3
come poi tocca a llôro, tutti zitti.
Che bber negozzio de Maria cazzetta!4

 

E vvoi puro5 c’annate sempre lisscio,6
sora faccia de culo de bbadessa,
ch’edè7 che mmó vvariscallate er pisscio?8

 

Sor abbatino, sc’è cquarche scommessa?9
Badàmo, ch’a sto ggioco io bbusso e strisscio.
Oh annate a ppijjà er morto e a sserví mmessa.

 

Roma, 13 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1a Foglietta.

1 Attoniti, vinti, cascanti.

2 Nome d’osteria.

3 Affollati.

4 Oh, faccio pur il bel negozio!

5 Pure.

6 Andar liscio: sottrarsi da qualche impegno.

7 Che è? Cos’è?

8 Vi adirate?

9 V’è qualche cosa da opporre?

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License