Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1909. El cappellaro

 

«È in ordine, o , questo cappello
«Quale?» «Il cappello bianco». «Ah, ssissiggnora.1


Checco,2 venite cqua: ccacciate fora
quel tutto-lepre. cquesto... cquello...».

 

«Orsú, non dite piú bugie, fratello...».
«Via, dunque, el zucappello se lavora».
«Vediamolo». «L’ha in mano l’orlatora».
«Mandateci». «Eh, el regazzo sta al fornello...».

 

«Ho capito». «Ma llei sii perzuasa,
sor cavajjere, ch’el cappello è ppronto,
e ddomatina je lo manno a ccasa».

 

«Lo stesso mi diceste l’altra festa».
«Lei nun ce penzi ppiú: llei facci conto
com’el cappello ggià ll’avessi3 in testa».

 

4 marzo 1837

 




1signore. Il popolo l’usa sempre in femminino.

2 Francesco.

3 L’avesse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License