Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1912. Le piggionante sussurrone

 

«Dico, ditem’un po’, ssora commare,
ch’è ssuccesso cquassú? ffate la ggiostra
«Sora minchiona, stamo a ccasa nostra
e vvolémo zzompà1 cquanto sce pare».

 

«Ma inzomma cqui da noi pe ccausa vostra
viè ggiú er zolaro». «Povere somare!,
ji fa mmale ir rimore2. «E ste caggnare,
dico, in che ddànno,3 sora bbrutta mostra4

 

«Drento a sti muri cqui ssemo padrone
de stà alegre e ggodé ccome sciaggarba.5
Pagàmo, casomai, bbona piggione».

 

«Bbe’, bbe’, ddomani ve farà la lègge
er Presidente...».6 «E cce darà de bbarba.
Uggnuno ha er zanto suo che lo protegge».7

 

4 marzo 1837

 




1 Saltare.

2 Affettato civilismo di discorso in modo di sarcasmo. Ji fa mmale ir rimore. Altrimenti avrebbe detto Je fa mmale er rumore, o anche er rimore.

3 Dànno, dal verbo dare: «cosa significano queste cagnare?».

4 Femminino di mostro.

5 Ci aggarba.

6 Presidente di polizia del rione.

7 Modo proverbiale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License