Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1913. La cuscína de sotto

 

«SorAntonia, ch’edè1 ttutto sto fume
«Gnente, sorAnna: còscio2 le bbrasciole».
«Guardate cqui! nnun ce se vede lume!
v’acceca!, ve fa ppiaggne!, appanna er zole!».

 

«E vvoi serrate». «Che bbelle parole!
Come, si le finestre un sfassciume?
Eppoi nun viè da le finestre sole:
puramente er zolaro è un frascicume».

 

«E vvoi dunque incollatesce la carta».
«Starebbe fresca! Eh allora...». «Ôh, allora, allora
nun me seccate e annateve a ffà squarta.

 

Ciamancherebbe ppuro er ritosto,3
c’adesso pe ddà ggusto a la siggnora
nun ze potessi 4 mmanco l’arrosto!».

 

5 marzo 1837

 




1 Che è?

2 Còscio: cioè còcio, per io «cuoccio» o «cuoco».

3 Ci mancherebbe mo pur questo di giunta, ecc.

4 Non si potesse fare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License