Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1918. La frebbe maggnarella1

 

Quer che ssia l’appitito, a Ssarafino
sta’ ccerta ch’er maggnà nnun jarincressce.
Jerzera se sparí2 un piatton de pessce
che ssarebbe abbastato pe un burrino.

 

Lui men de tre ppaggnotte nun ze n’essce;
e lo vedessi come trinca er vino!
Naturale: ha dduspalle da facchino...
È er zutempo: se sa, ccarne che ccressce.

 

Va’ dd’un cosscetto3 cosa sc’è arimasto!
Che cce volemo ? llassa che mmaggni.
Nun ze ttrattené: ppropio è de pasto.

 

Li fijji de salute è ttempo perzo4
er dijje abbasta:5 6 ttutti compaggni.
Nun farebbeno ar monno antro7 c’un verzo.

 

6 marzo 1837

 




1 Dicesi di chi mangia molto e spesso aver lui la febbre mangiarella.

2 Si sparì: si divorò: fece sparire.

3 La coscia di un capretto o agnello.

4 Perduto.

5 Il dirgli (dir loro) basta.

6 Sono.

7 Altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License