Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1919. La cunculina1 rotta

 

Uhm, chi l’ha vvista mai la cunculina?
Chi ne sana patacca2 de sto fatto?
Io nu l’ho rrotta: sarà stato er gatto;
oppuramente3 er vento, o la gallina.

 

Io?! ma llei dichi a Ggaspero ch’è mmatto,
perch’io stata tutta la matina
sempr’in funtana pe la siggnorina,
e in ner redrè4 nun ce 5 entrata affatto.

 

E cche ne so cchi ll’ha rriappiccicata?
, ppe ssciacquà ll’ho ssciacquat’io ll’ho, ma er coco
è un busciardaccio a ddí ch’io l’ho sfassciata.

 

Se sbajja6 lui: prima d’annà in funtana,
ce posso mette la mano sur foco,
che ssera sana l’ho llassata7 sana.

 

6 marzo 1837

 




1 Concolina, catinella.

2 Chi ne sa una bocciata?

3 Oppure.

4 Nel retrait.

5 Non ci sono.

6 Si sbaglia, sbaglia.

7 Lasciata.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License