Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1926. L’amiche d’una vorta

 

Quant’è cche nun ce sémo ppiú vvedute?
Sicúro che ssarà cquarcanno e anno!
Le cose de sto monno, eh? ccome vanno!
Ciaritrovamo1 tutt’e ddua canute.

 

C’alegrione c’avemo godute!
Ma! llanni, fijja, passeno volanno.
Io? nun c’è mmale, . Chi? Ffiordinanno?2
, ppe ggrazzia de Ddio, venne3 salute.

 

Nanna? s’è ffatta monica; e la storta
ha ppijjato marito. Chi? la madre?
Nu lo sapévio?4 poverella! è mmorta.

 

Nòo, nnun ciàbbita5 ppiú Ttitta6 cqui accosto:
è ito in Borgo. Dite: e vvostro padre?
Campa?! Oh gguardate si7 cche vvecchio tosto!

 

12 marzo 1837

 




1 Ci ritroviamo.

2 Ferdinando.

3 Vende.

4 Non lo sapevate?

5 Non ci abita.

6 Giambattista.

7 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License