Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1927. Li connimenti1

 

, è bbona la cuscina2 co lo strutto;
anzi lo strutto er barbiere m’ha ddetto
ch’è un connimento che ffa bbene ar petto
come fa er pepe c’arifresca tutto.

 

S’addatta a li grostini cor presciutto...
ar pollame..., a l’arrosto de lommetto...3
a lo stufato..., all’ummido..., ar guazzetto...;
ma addoprallo in ner fritto è un uso bbrutto.

 

Vòi frigge4 er pessce co lo strutto?! Eh zzitto.
Er pessce-fritto in nell’òjjo va ccotto:
l’òjjo è la morte sua per pessce-fritto.

 

Che mmaggnà da stroppiati!5 io ne mmatto.
E gguarda er Papa, che davero è jjotto:6
ce se lecca li bbaffi com’un gatto.

 

12 marzo 1837

 




1 Condimenti.

2 Cucina.

3 Lombetto: taglio di carne dalla parte lombare de’ piccoli quadrupedi.

4 Vuoi friggere, ecc.

5 Che mangiare delizioso!

6 Ghiotto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License