Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1929. La mojje dell’ammalato

 

Sta mmale, male, male; e ssi la caccia1


attaccà er voto. È un pezzo: è da stistate,
che2 sse3 pijjò un’infirza de scarmate4
pe cquer mazzato vizzio de la caccia.

 

Strilla c’ha ne le gamme e nne le bbraccia
tutte le cungiunture addolorate.
E a mmé mme tocca a ffajje5 le nottate,
che tte ggiuro, Maria, ch’è una vitaccia.

 

Eh, ccosa disce er medico? Quer torzo
disce ch’è rromatísimo: ecco tutto;
e cche l’ammalatia ffà er zucorzo.

 

Sempraccusí: ’na minestrina e un frutto.
Pe ddajje6 forza io poi sciaggionto7 un zorzo
d’acquavita o un tantin de vin assciutto.

 

14 marzo 1837

 




1 Se la cava.

2 Quando.

3 Si.

4 Una serie di riscaldazioni.

5 Fargli.

6 Dargli.

7 Ci aggiungo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License