Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1933. Er civico de corata1

 

Stamo2 immezz’a ’na macchia, Caterina,
e nnò in d’una scittà ddrent’a le mura.
T’abbasti a ddí cc’a Ssan Bonaventura
me sciassartonno3 a mmé jjer’a mmatina.

 

Pavura io?! de che! Ppe cristallina!
Un omo solo m’ha da ppavura?
M’aveva da pijjà senza muntura
lui, e ppoi ne volevo una duzzina.

 

Quanno me venne pe investí, mme venne,
io pe la rabbia me sce fesce4 rosso;
ma ccosa vòi!,5 nun me potei difenne.6

 

E archibbuscio, e ssciabbola, e bbainetta!...
Co sta bbattajjeria7 d’impicci addosso,
com’avevo da , ssi8 bbenedetta?

 

25 aprile 1837

 




1 Coraggioso.

2 Stiamo.

3 Mi ci assaltarono.

4 Mi ci feci.

5 Vuoi.

6 Difendere.

7 Con questa batteria, quantità.

8 Che tu sia, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License