Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1938. La caristía der 37

 

Sempre accidenti1 ar Papa! sempre inzurti!2
Eh zzitti, zzitti: che ddiavol’avete!
Aspettate er bon tempo e mmaggnerete.
Li mesi nun ze sa cquanto ccurti?3

 

Nu lo sentite cos’ha ddetto er prete?
«Arispettate li ggiudizzi occurti
de Ddio, fijjoli; e nun fate tumurti,
si vve lassa morí de fame e ssete».4

 

Però, er prete ha rraggione verbo fame;
ma, cquer che ssia la sete, sta minestra
la poteva lassà ddrento ar tigame.5

 

Me pare a mména gran parola ssciocca,
quanno se vvedé6 da la finestra
c’oggni minuto ne vié ggiú una bbrocca.7

 

24 maggio 1837

 




1 Imprecazioni di accidenti.

2 Insulti.

3 Non si sa quanto son corti?

4 Se vi lascia ecc. Si allude a certe minacce dell’editto di penitenza pubblicato in maggio 1837 dal Cardinal Vicario. Appoggiansi esse a un bel passo del Deuteronomio (cap. xxviii), cioè: «Eo quod non servieris Domino Deo tuo in gaudio cordisque laetitia propter rerum omnium abundantiam, servies inimico tuo quem immittet tibi Dominus, in fame, et siti, et nuditate, et omni penuria: et ponet iugum ferreum super cervicem tuam, donec te conterat». Sono da vedersi in tutto il codice del Deuteronomio molte altre eleganti formule di maledizione.

5 Cioè: «questo proposito poteva tralasciarlo».

6 Si può vedere.

7 Infatti la causa della carestia consisteva tutta nelle stemperate piogge della stagione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License