Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1940. La vitaccia de li Sovrani

 

Semo arrivati a un tempo, sor Giascinto,
che, ppiú o mmeno, sti poveri Sovrani
ce li tratteno peggio de li cani;
e cquarconore che jje fanno è ffinto.

 

Ché ssi nun fussi1 pe cquer po’ d’istinto
c’hanno de commannà ssu li cristiani,
oppuramente2 pe rrispetti umani,
ggnisuno3 in trono ce staría dipinto.

 

Vive,4 per cristo, sempre immezzar foco!
Io nun vorébbe èsse5 sovrano, manco6
me fascessino7 re, cche nun è ppoco.

 

Ve pare, cazzo, piccolo cordojjo
quer rispirà ccor vassallume accanto,
sempre nimmichi come l’acqua e llojjo?8

 

26 maggio 1837

 




1 Se non fosse.

2 Oppure.

3 Nessuno.

4 Vivere.

5 Non vorrei essere.

6 Neppure se.

7 Mi facessero.

8 Olio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License