Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1941. Er zor Diego acciaccatello1

 

È vvero, è vvero, povero sor Diego!
oggi v’ho ttrovo2 un po’ ammalorcicato.
Ve sete un tantinello ssciapinato:3
me state mosscio, sì, nnun ve lo nego.

 

Èrivo4 un anno fa ttantinquartato,5
e mmó pparete un moccolo de sego!
Uhm, ppe mmé ccerti nimmi6 io nu li spiego,
e nu li spiegherìa7 manco er curato.

 

Animo, via, nun ve sce fate bbrutto:
ve mentovo er curato, solamente
perch’è ssolito in chiesa a spiegà ttutto.

 

Ma gguardatelo llì! nnun ce s’accora?!
Statemalegro, , nnun zarà gnente.
Come disce?8 In un’ora Iddio lavora.

 

26 maggio 1837

 




1 Malsano, tristanzuolo.

2 Trovato.

3 Sciupinato: deperito.

4 Eravate.

5 Robusto membruto.

6 Enimmi.

7 Spiegherebbe.

8 Come si dice? Come dice il proverbio?

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License