Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1947. Una cosa chiama l’antra1

 

Da cqui avanti oggni vorta che ssentite
ch’essce er Papa e sse2 sona le campane,
uprite bbocca e ddite puro,3 dite:
«In sto momento se dispenza er pane».4

 

E cquanno sentirete che sto cane
de Governo spaggnotta,5 ariuprite
la bbocca e ddite che nun 6 llontane
le trottate der Papa e le su’ ggite.

 

Er Papa ha d’annà a spasso e a le funzione;
nun c’è ddunque antro7 mezzo pe llevasse8
er popolo datorno, e vva bbenone.

 

E cche ffa ssi sse vòteno9 le casse?
Si10 Ddio serra una porta opre un portone.11 A ttutto s’arimedia co le tasse.

 

31 maggio 1837

 




1 Altra.

2 Si.

3 Pure.

4 Entrato il Papa in gran costernazione pel sospetto di qualche moto popolate, faceva dar pane gratis quando usciva, e sempre in luoghi i più distanti da quelli dov’egli soleva recarsi. Vedi il Sonetto intitolato L’abbonnanza pe forza, e l’altro ivi citato alla nota 2.

5 Spaccia pane.

6 Non sono.

7 Altro.

8 Per levarsi.

9 E che rileva se si vuotano, ecc.

10 Se.

11 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License