Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1956. La perpetuvella1 de la ggiuventú

Sonetti 2

 

È inutile. Una donna, inzin ch’è vviva,
sibbè ssaricordassi2 de Maumetto,
sibbè ffussi ppiú antica der brodetto,
lei nun èsse3 mai vecchia o stantiva.4

 

Tu gguarda una tardona5 quannarriva
a la commedia6 e appizza7 in ner parchetto:
subbito te s’affaccia ar parapetto;
e ppiú ssò8 llanni ppiú ccressce l’abbriva.9

 

Si10 ppoi pe un schiribbizzo11 de sant’Anna,
sta mossciarella12 è ggravida a cquellora
ch’era tempo de mette l’eslocanna,13

 

fin che ddura quer po’ de gravidanza,
pe pprimoperazzione a l’usscí ffora
manna avanti14 la fede de la panza.

 

19 giugno 1837

 




1 La perpetuità.

2 Sebbene si ricordasse.

3 Ella non vuole essere.

4 Stantia.

5 Di tarda età: attempata.

6 Al teatro.

7 Entra.

8 Sono.

9 L’abbrivo.

10 Se.

11 Capriccio.

12 Appassita.

13 Di mettere l’est-locanda.

14 Manda avanti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License