Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1959. La sartora scartata

 

Dove vado? a ppescà ’n’antra1 sartora
pe la padrona; che cquanno se2 ficca
quarchideaccia cqui,3 tanto lammicca4
e ttanto fa cche la vvede fora.5

 

Cor tajjo6 de Rosina7 la siggnora
disce che ir zuo bber petto nun ci spicca.8
Lei la robba davanti la rricca
pe ssoverchià le zzinne de la nora.

 

Si9 nun zajjuta a ccusscinetti e a zzeppe
lei stà agretta assai:10 su le su’ coste
sc’è ppassato coll’asscia san Giuseppe.11

 

Tiè12 ddupellacce che ppàreno13 gozzi
de pollastri, e, a ssentílla,14 a zzinne toste
drento Roma nun c’è cchi cce la pòzzi.15

 

20 giugno 1837

 




1 Un altra.

2 Si.

3 Dicendo queste parole si tocca coll’indice la fronte.

4 Lambicca.

5 La vuole veder fuori: vuol vincerla.

6 Cor taglio.

7 Sartrice di alta rinomanza in Roma.

8 Spicca in senso di comparisce vantaggiosamente.

9 Se.

10 Ella vuol star male assai.

11 Modo proverbiale.

12 Tiene.

13 Pajono.

14 A sentirla.

15 Possa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License