Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1962. Er Padrone padrone

 

Era da un pezzo c’avevo annasato1


ch’er zor padrone m’uscellava Ghita.
Dico: «Eccellenza, vado ar Caravita».2
Disce: «Va’ bbello mio: bbravo, Donato».

 

Io m’agguatto in cuscina;3 e appena usscita
la padrona cor zuganzo affamato,
te li pijjo in gattaccia:4 «Ebbè? ch’è stato?».
Disce: «Ggnente... ggiucàmio5 una partita».

 

Dico: «Me pare a mmé cche de sto svario
se ne ffà de meno; e ste su’ vojje
nun entreno ner conto der zalario».

 

Disce: «Se ssapé che vve se ssciojje?6
Oh gguardatelo llí cche ttemerario!
Nun cche mmi diverti con zua mojje!».

 

23 dicembre 1837

 




1 Subodorato, preso sospetto.

2 Oratorio di divozioni notturne.

3 Mi pongo in agguato, mi celo in cucina.

4 Li prendo sul fatto.

5 Giocavamo.

6 Si può sapere che vi si scioglie?, cioè: «Si può sapere quali nuove idee vi montano?».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License