Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1963. A vvoi de sotto

 

S’aricconta c’un frate zzoccolante,
grasso ppiú der compar de sant’Antonio,
ner concrude1 una predica incarzante
sull’obbrighi der zanto madrimonio,

 

staccò er Cristo dar púrpito, e ggronnante
de sudore strillò ccom’un demonio:
«Eccolo, e vve lo dico a ttutte quante,
eccolo su sta crosce er tistimonio.

 

Io lo tiro in testa inviperito
a cchi ss’è ppresa er ber gusto, s’è ppresa,
de temperà ppiú ppenne a ssumarito».

 

A cquellatto der frateggni miggnotta...
ggni donna, vorzi ,2 cche stava in chiesa,
arzò le mano3 pe pparà la bbotta.

 

23 dicembre 1837

 




1 Non concludere.

2 Volli dire.

3 Le mani.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License