Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1974. Lo sfrappone1

 

Si2 sséguiti accusí, Cchecco, la sbajji.
Fijjo, co stimpropèrî vacce piano.
Chi è llesto de lingua e nnò de mano
o la tienghi a stecchetta o sse la tajji.

 

Uno c’annassi3 a rregola de rajji4
credería c’un zomaro marchisciano
se maggnassi5 un leone sano sano
e un’armata co ttutti li bbagajji.

 

Certuni a cciarle 6 spazza-campaggne,
eppoi a ffatti se la fanno sotto,
e arrivi ar punto de vedelli piaggne.7

 

Er mannatàro ch’era un omo dotto
sai che ddisceva a sti spacca-montaggne?
«Ce mmeno a inzurtà cc’a ddà un cazzotto».

 

febbraio 1838

 




1 Spavaldo.

2 Se.

3 Che andasse.

4 Di ragghi.

5 Si mangiasse.

6 Sono.

7 Di vederli piangere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License