Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

54. Er confortatore

 

Sta notte a mmezza notte er carcerato
sente uprí1 er chiavistello de le porte,
e ffasse2 avanti un zervo de Pilato
a ddijje:3 er fischio te condanna a mmorte.

 

Poi tra ddutorce de sego incerato
co dduguardiani e ddubbracchi de corte,
entra un confortatore ammascherato,4
coll’occhi lustri e cco le guance storte.5

 

Te l’abbraccica6 ar collo a l’improviso,
strillanno: «Alegri, fijjo mio: riduna
le forze pe vvolà ssu in paradiso».

 

«Che alegri, cazzo! alegri la luna!»,
quello arisponne: «Pozziate esse acciso;
pijjatela pe vvoi tanta furtuna».

 

Roma, 13 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Aprire.

2 Farsi.

3 Dirgli.

4 Coperto del suo sacco di confratello di S. Giovanni Decollato, con cappuccio.

5 In espressione di studiata compassione.

6 Abbraccia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License