Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1979. Er ritratto der zor Filippo1

 

N’ho vviste in vita mia de cose bbelle,
ma ccom’e cquesta , pe bbio sagrato!
Sto quadro de pittura diseggnato
nu lo faría nemmanco Raffaelle.

 

L’occhi, er naso, la tinta de la pelle,
er modo de guardà cquann’è inciurmato...
Che sserve?, via, senza tante storielle
è er zor Filippo Zzampi spiccicato.

 

So cche ss’io fussi un ladro, iddio ne scampi,
ne l’entrà ddrento e in ner vedé cquer coso,
direbbe:2 «Oh ddio! c’è er zor Filippo Zzampi».

 

Perché, inzomma, la mojje ch’è la mojje,
spesso spesso, credènnolo lo sposo,3
je va a ddà bbasci indove cojje cojje.

 

26 maggio 1838

 




1 Opera del veneto Pietro Paoletti.

2 Direi.

3 Sposo, pronunciato con le due o chiuse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License