Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1980. La pizza der compare1

 

Che ffra er zor Pippo e la commare-doro2
c’era nata un tantino de canizza3
e cche Mmunzú schizza veleno, schizza,4
io lo sapevo ggià mmejjo de lòro.

 

Ma ccredevo che cquanno uno se stizza5
avessi armeno6 da sarvà er decoro,
e nun a la commare sto disdoro
d’annalla a scredità ssopr’una pizza.

 

Bbisoggna avé ppe ccristo er caposcerro,
pe mmette7 s’una pizza aricressciuta
la soprascritta: a la commàr-de-ferro.8

 

Guardate llí ssi cche bbella prodezza!
Io so cche cquanno do le pizze a Ttuta9
ce fo ddipiggne10 er core co la frezza.

 

3 giugno 1838

 




1 Il signor Filippo Z...

2 La signora Teresa F..., la quale era dallo Z... chiamata la Comare d’oro.

3 Astio, ruggine.

4 Schizzar veleno: fremere d’ira.

5 Si adira, entra in collera.

6 Avesse almeno.

7 Per mettere.

8 Lo Z... fece realmente scrivere a lettere di zucchero queste parole sopra una pizza che portò alla villeggiatura della famiglia F...

9 Gertrude.

10 Ci fo dipingere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License