Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1982. Li rivortósi

 

Chiameli allibberàli o fframmasoni,
o ccarbonari, è ssempre una pappina:1


è ssempre canajjaccia ggiacubbina
da levàssela2 for de li cojjoni.

 

E ppe Ppapi io voría3 tanti Neroni
che la mannàra de la quajjottina4
fascéssino5 arrotalla oggni matina
acciò er zangue curressi6 a ffuntanoni.

 

Tu accèttua noantri7 in camisciola
e li preti e li frati, er rimanente
vacce a la sceca8 e sségheje la gola.

 

Perché è mmejjo a scannà cquarchinnoscente,
de quer che ssia c’una caroggna sola
resti in ner monno a impuzzolí la ggente.

 

2 settembre 1838

 




1 È sempre la stessa cosa.

2 Da levarsela.

3 Io vorrei.

4 La mannaia della ghigliottina.

5 Facessero.

6 Corresse.

7 Eccettua noi altri.

8 Vacci alla cieca.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License