Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1983. Li penzieri dell’omo

 

Er chirichetto, appena attunzurato1


penza a ordinasse2 prete, si3 ha ccervello:
er prete penza a ddiventà pprelato;
e ’r prelato, se sa,4 ppenza ar cappello.

 

Er cardinale, si ttu vvòi sapello,5
penzaggnisempre d’arivà ar papato;
e ddar zucanto er Papa, poverello!,
penza a ggòde la pacchia6 c’ha ttrovato.

 

Su l’esempio de quelle perzoncine
ggni7 dottore, o impiegato, o mmilitare
penza a le su’ mesate e a le propine.

 

Chi ppianta l’àrbero, penza a li frutti.
Cqua inzomma, pe rristriggneve8 l’affare,
oggnuno penza a ssé, Ddio penza a ttutti.

 

2 settembre 1838

 




1 Tonsurato.

2 Ordinarsi.

3 Se.

4 Si sa.

5 Se tu vuoi saperlo.

6 Il buon vivere.

7 Ogni.

8 Per ristringervi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License