Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1984. A la sora Teta Zzampi

 

Ma inzomma, è vvera o nnò, ssora Titina,1


la nova che mm’è stata ariccontata,
ch’er zor Pippo va ffora a Mmascerata,
a spezzionà la truppa papalina?

 

Vedi che zzuggna! Oh cquesta , pper dina,
che mmabbruscia e mme passa la corata!
E cchi cce la ppiú ’n’antra maggnata,
come l’avemo avuta stammatina?

 

Ma ppe la santa Vergine Mmaria!
È un gran cche cchi ttrova un pezzo d’oro
l’abbi da perde2 o da bbuttallo via!

 

Fussi Papa sto povero stivale3
sentiressivo4 in pieno concistoro:
«Ir ziggnor Pippo a Rroma, e ggenerale».

 

23 settembre 1838

 




1 Signora Teresina.

2 L’abbia da perdere.

3 Nel profferire questa parola si batte il petto.

4 Sentireste, per «udreste».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License