Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1990. La festa sua

 

A pproposito! Adesso che cce1 penzo,
me pare, si2 nun sbajjo, che ddimani
a la Minerba3 li domenicani
accènneno4 li lumi a ssan Vincenzo.

 

Figúrete la folla de cristiani
e ssi2 cche ssorte de concorzo immenzo
annerà ddomatina a ddà l’incenzo
ar zor padre canonico Tizzani!

 

Ebbè, nnellincenzallo hanno raggione,
perché cquer Reverènno è un zantarello
e ha ’na testa che mmanco Salamone.

 

Lui, o cce vadi5 er ricco o er poverello,
fa bbone grazzie a ttutte le perzone,
e indovunque lo tasti è ssempre quello.

 

5 aprile 1839

 




1 Ci.

2 Se.

3 A S. Maria sopra Minerva.

4 Accendono.

2 di quel mese.

 

 



5 Ci vada.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License