Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1992. Comprimento

 

Io vverzi pe vvoi? de carta! aspetta!
Io nun m’impiccio co ccompassi e squadre.
Io nun zo ffà cche ccanzonacce ladre
tajjate ggiú ccollasscia o ccollaccetta.

 

Si sse trattassi ar piú de vostra madre
ce potería scappà cquarche ssaetta;
ma vvoi sete un bruggnolo de donnetta,
da ggirà er boccino ar Zanto Padre.

 

Voi?! co cquer muso llì?! ddimme cojjone!
Piú ppresto voría védeme stantranno
a Ssan Bartolomeo sur cartellone.

 

Eppoi nun fo ccome scertuni fanno
che ttutter giorno pissceno canzone
manco avessino Appollo ar zucommanno.

 

21 ottobre 1840Peppe

 

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License