Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1993. A mi’ cuggina Orzola
pe la Santa Befana der 1841

 

Sora racchietta mia, propio quest’anno
che mmannate ppiú a ssangue e ppiú a ffasciolo,
nun ho possuto avé mmanco un piggnolo
né un ossetto de morto ar mi’ commanno.

 

Dall’antra parte io povero fijjolo
che mmarranchello e ccampo anno-penanno,
che ccosa v’ho da ssi nun me scanno?
Scopo casa e vvappoggio un mostacciolo.

 

E ssimmài vostra madre, in faccia a mme,
dirà ccar zummum ccostà un quadrino
e nnun è robba da par vostra o cché,

 

io jarisponnerò: «Llei vadi a spasso,
e penzi ch’io nun tiengo er butteghino
pe nnotà ccom’e llei ner brodo grasso».

 

6 gennaio 1841

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License