Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1994. «Ahà, rriecco l’acqua! E ’ggni tantino»

 

Ahà, rriecco l’acqua! E ’ggni tantino,
dico, s’ha da vedé sta bbellistoria?
Ggni ggiornona maggnata e ’na bbardoria,
da vvení la caristia der vino!

 

Inzomma, o ariccojjemo la scicoria
o ssemo tanti Prencipi Piommino,
a sto paese cqui, ppare un distino,
tutti li sarmi finischeno in groria.

 

Chi mme fa spesce a mmé ssò sti screpanti
de sti mastri de scola a la Sapienza,
che llaggiú nun n’abbuscheno poi tanti.

 

Manco si lloro fussi princisbecche!
Ma ggià, daranno fonno a la credenza
de le pascelle e de le laure secche.

 

 2 giugno 1841 - G. G. B.

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License