Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1997. Monziggnor de l’Annona e Ggrasscia

 

Er Monziggnore mio, si1 nu lo sai,
è ccardinale ar primo concistoro;
e llui cià2 ggusto in quanto sia decoro,
ma llassa un gran’impiego: ecco li guai.

 

Pane, ojjo e vvino nun ze crompa3 mai,
le pile4 s’ariempieno da loro,
e bbiada e ffieno e ssemmola è un lavoro5
che cce n’è da rivenne6 o ppoco o assai.

 

A le curte, in sta casa bbenedetta
mo nun ze ppijja7 a ppunta de quadrini
ch’er pepe, er zale e cquarche ffil d’erbetta.8

 

E la sala? Sibbè9 ssenza salari,
noi potemo marcià10 ccome ppaini
sortanto a rregalíe de bbottegari.

 

20 gennaio 1843

 




1 Se.

2 Ci ha.

3 Non si compera.

4 Le pentole.

5 È un movimento, un abbondanza, ecc.

6 Da rivendere.

7 Non si piglia.

8 Maggiorana.

9 Sebbene.

10 Andare, sfoggiare in vesti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License