Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2002. Er viaggio de Frosolone

 

Nun dubbitate, no, nnun dubbitate:
nun ve state a ppijjà tutte ste pene:
nun ve scallate er zangue in ne le vene:
nun dite, fijji mii, ppiú bbuggiarate.

 

Er Papa è ddritto, er Papa è stato frate:
dunque si spenne a vviaggi, a ppranzi e a ccene,
è sseggno che le cose vanno bbene,
e ccar Monte sce fioccheno l’entrate.

 

Ma ccaso poi che sse vedessi bbrutto,
ggnente pavura! ’Na gabbella nòva,
quarche nnovena, e ssarimedia a ttutto.

 

Ccusí armanco si er popolo se laggna,
se laggna a ttorto; e ’r Papa je lo prova
quanno er zantomo va in carrozza e mmaggna.

 

maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License