Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2003. La commedia der Trocquato

 

Dunqu’io jerzera, doppavé sserrato,
cenai, me prese sott’ar braccio Nina,
fesce un giretto, eppoi drent’a Argentina
a vvedé sta commedia der Trocquato.

 

Cristo! un parmo d’ometto, un disperato,
protenne de sgrinfià cco la reggina!
Eh ssi er re lo mannò a la palazzina,
io s’una forca l’avería mannato.

 

Ma llui ch’er tibbi nun jannò a ffasciolo,
s’appoggiò un par de cazzottoni in fronte,
e sse fesce per dio com’un cetrolo.

 

E cquanno aggnede a lliticà ccor Conte?
A ppenzà come mai quer futticchiolo
ciaveva sempre le risposte pronte!

 

5 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License