Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2004. Er corpo der dilitto

 

Tutte bbusciarderie: la mi’ gallina
è entrata a ccasa vostra e ha ffatto l’ovo.
Da sto punto che cqui nnun m’arimovo:
ve l’ho intesa cantà ddrent’in cuscina.

 

E cquanno ciò mmannata Crementina
pe ppijjà llovo mio, nun ce l’ha ttrovo:
seggno che vvoi sete arrivata ar covo
co la vostra santissima manina.

 

Eh nnun zerve attaccasse a ssanta Nega:
ecco cqua le ducocce d’ovo fresco
bbuttate via da voi for de bbottega.

 

Bbebbe’, llassate aritornà Francesco,
e vvederemo un po’ ssi llui ve frega
peggio de quer che vve fregò er todesco.

 

10 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License