Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2005. La gatta-morta

 

, ssí, ffídete tu de quel’aggnello,
de quer gneggnè, de quer coscemelova...
Si ttu ssapessi che ordeggnuccio è cquello!
Ma nnu lo ccapí cchi nnu lo prova.

 

Eh cce antro che ccaccià er cappello
a ’ggni po’ de Madonna che sse trova!
Nun basta er rescità dda santarello
cantanno lettaníe a la Cchiesa-nova.

 

È un’animuccia quella llí, ppe Ccristo!,
da incollasse su’ padre in carn’e in ossa
e scaricallo ggiú dda Ponte-Sisto.

 

Saría capasce quela bbona pelle
de cavarcà mmagara a la disdossa
madre, cuggnate, zie, fijje e ssorelle.

 

10 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License